FARE

La MATERIA per me è un fondamento. Trovare un oggetto, farlo diventare qualcos’altro, slegarlo dalle sue origini.

Abbiamo così tanti oggetti nel mondo che fatichiamo a smaltire tutta questa materia che ci circonda. Il design ci aiuta a riusare, nella logica del ready-made, o  ci induce a manipolare quello che c’è già, rendendolo nuovo.

LASCIARSI stupire dalle STORIE.

Qualche tempo fa ho trovato per strada un pezzo di legno, una scala. Probabilmente usata nelle vecchie case lombarde come passaggio dalla parte familiare delle abitazioni a quella non riscaldata e rustica dei fienili: quegli spazi nei sottotravi aperti e abitati dai piccioni d’inverno e dalle vespe d’estate. Nelle famiglie numerose si utilizzavano questi spazi per stipare il cibo, a volte per ospitare qualche amico di passaggio o qualche figlio di troppo. Di scale ce ne sono tante se giri per Milano te ne accorgi; protagoniste indiscusse della città storica sono le case di ringhiera:  la gente ci passava tutta la vita tra i pianerottoli  stretti e pietrosi uniti dai gradini. Le scale serpeggiavano tra gli odori di minestrone, portavano novita’, facevano nascere nuovi amori.

Collezionare.

Quando l’ho vista non sapevo bene cosa farmene, diciamo che  la mia attitudine al collezionismo mi ha spinta a raccoglierla dal ciglio della strada (cosa tra l’altro non semplicissima visto che mi trovavo in compagnia dei miei figli, di ritorno da scuola). La scala comunque l’abbiamo piazzata nel giardino di casa, in attesa di decidere cosa farne.

Collezionare gli oggetti e’ un buon modo per farsi un’idea dei differenti usi della materia.

LA LOGICA DEL RIUSO NELL’INTERIOR.

Diventare esperti a manipolare la materia significa cambiarne insieme alla funzione d’uso anche la percezione  in chi lo osserva. Carteggiata, levigata e stuccata la scala è stata usata per un editoriale poi pubblicato dall’editore Ruffled. Ha abitato con noi per un po’, poi ha cambiato vita.

E tu? Quali oggetti ti hanno ispirato tanto da regalare loro una nuova vita? Che tecniche di relooking hai utilizzato?

(ph. Paola Colleoni).

 

Una risposta a “FARE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *